Gli orologi Eberhard & Co.

In: Orologi

L'ARTE DI SFIDARE IL TEMPO

La storia di Eberhard nasce nel 1887 a La Chaux-de-Fonds, culla dell’orologeria , grazie a Georges-Emile Eberhard , un giovane a cui viene trasmessa la passione per l’orologeria dal padre orologiaio.


Nel 1919 l’azienda lancia sul mercato il suo primo cronografo con fondello a cerniera e anse snodate.


Nel 1926 le redini dell’azienda passano ai figli Georges e Maurice grazie ai quali nascono i primi orologi automatici da polso della maison i quali entreranno a far parte della dotazione degli Ufficiali della Regia Marina Militare Italiana, l’armata navale del Regno d’Italia.

Extra-fort Automatic


Nel 1935 viene immesso nel mercato il primo cronografo a 2 pulsanti con start-stop dal quale nascerà nel 1939 il modello rattrappente.


Dopo la fine della Secondo Guerra Mondiale, la proprietà decide di proporre una linea di orologi dedicata alle donne e negli anni ’50 nasce uno dei modelli più iconici della maison: l’Extra Fort.


Nel 1962, dopo la scomparsa della figlia, Maurice cede l’azienda ad investitori stranieri , un momento che segna una rivoluzione per la Eberhard & Co., che si avvicinerà anche agli orologi al quarzo.


La maison svizzera ha un forte legame con l’Italia e dedica negli anni 80 il modello Chronomaster alle frecce tricolori e nel 1992 a Tazio Nuvolari, famoso pilota automobilistico di Formula Grand Prix.

La successiva icona della maison sarà il Traversetolo nel 1996 ma uno dei successi più grandi è sicuramente il Chrono 4, cronografo che vede i contatori in fila, uno accanto all’altro.

Nel 2007, per le 120 candeline della casa, nasce il Chronographe 120eme Anniversaire e nel 2008 l’8 Jours.


Eberhard & Co. è dunque un sinonimo di qualità e precisione da molti anni e il fascino di questo nome è ancora oggi molto forte essendo un nome che viene associato a piloti, esploratori e uomini d’affari di tutti il mondo.

Tags di questo articolo: orologi eberhard